Intervista a Silvia Lamberti

Silvia, mi parli del tuo background?
Diciamo che io vengo dall’arte, son stata prima pittrice, facevo anche ritratti ad olio, poi dopo ho scoperto il mondo ella fotografia posando e fotografando a mia volta. Ho sempre avuto questa passione per la fotografia. Le foto sono state fatte da fotoamatori, alcune di quelle che ho pubblicato ultimamente me le ha fatte Francesco (Malcom)

Dalla pittura alla fotografia dunque. Poi…che succede?
Poi conosco Francesco Malcom – in quel periodo io lavoravo in un negozio a Trastevere – lui stava per fare alcune puntate di Meritocazzia e mi ha proposto di partecipare (del programma ‘Meritocazzia’ ne parlo qui, nda)
Lavorare nell’hard era più che altro una mia fantasia erotica, non pensavo che sarebbe stato possibile. C’era stato un periodo delle mia vita in cui avevo guardato molto materiale pornografico, poi ad un certo punto ne avevo avuto come una specie di rigetto perché vivevo un rapporto castrante con un compagno molto geloso. Il vedere l’immagine di donne così libere che esprimevano la loro sessualità mi dava fastidio…poi ho avuto questa occasione di partecipare a ‘Meritocazzia’ che è stata un’esperienza pazzesca, molto eccitante con un pubblico di attori porno navigati, mi ha dato molta verve. Subito dopo ho cominciato a lavorare su alcune scene per Xtime,tv

E li hai fatto la tua specialità, lo squirting…
Si, già in Meritocazzia vinco la puntata squirtando. Dopo, la prima scena nel 2016 è stata lo ‘Squirting office’ con Roberto Malone, dove praticamente innaffio lo studio…

Eppoi arriva la partecipazione all’Hard Academy da Rocco, nel 2017…quali sensazioni hai avuto in proposito?
Diciamo che io avevo na paura forte di prendere l’aereo perché erano un sacco di anni che non lo prendevo, quindi ero molto tesa…tutte le notti che stavo lì non ho dormito, un po’ per l’eccitazione, un po’ per la tensione…da un parte è stato pazzesco, lavorare con Rocco è un coronamento.
La puntata andava in live, era la prima volta, quindi sono capitata nell’episodio più particolare della serie, questo si avvertiva durante le riprese. (si tratta di ‘Rocco Siffredi Hard Academy 4…Goes Live’)

E’ per adesso al tua unica esperienza all’estero…
Si, ci sono stati ritmi molto serrati devo dire. Le uniche italiane eravamo io e Malena che dormivamo nella stessa stanza.

Mettiamo che un giorno ti squilla il telefono e ti chiama la Evil Angel. Vogliono te per una scena: che fai, parti subito?
Ci penso un attimo…non per il tipo di sesso – il sesso alla fine è la cosa più facile per me – quanto per tutto il meccanismo, i ritmi da tenere.
L’unica cosa è che io non faccio è la doppia penetrazione anale, nella scena dell’Academy non l’ho fatta. E’ per questo che non sono andata a lavorare neanche per Legal Porno.

Rivedi poi le tue scene?
Si io mi riguardo volentieri, sono molto autocritica, ho un rapporto di autostima ambivalente: in certi fotogrammi mi piaccio molto, in altri mi detesto. Un rapporto di amore-odio nei confronti di me stessa, diciamo. Poter fare porno è per me una specie di rivincita dopo che nell’adolescenza ho avuto dei problemi nell’accettare il mio corpo.

Nelle tue scene ti lasci andare, non sei rigida, si percepisce che non fingi e sei molto autentica…
Si la vivo molto intensamente, dal rigonfiamento delle vene allo squirting, sono tutte reazioni fisiologiche di partecipazione, in quel momento sono poco attrice…

In questa scena http://xtime.tv/trailer/8874/video-porno-con-silvia-lamberti-e-capitano-eric.html sfoggi un bel look total blu…hai gusti particolari in fatto di moda?
Mi piacciono molto le combinazioni di colore contrastanti, rosso-verde, blu-rosso, non sono comunque una che segue la moda, ci metto del gusto non legato alle ultime tendenze…

Complessivamente la tua produzione si aggira intorno a…
una decina di scene, più la partecipazione ad un paio di film post-porno per la regia di Morgana Mayer, ‘Sexual labirinth’ e ‘Female touch’ che sono film indipendenti, una fusione porno/horror mischiata alla performance artistica, poi due video musicali dei Prophilax e Give Us Barabba. Io mi diverto a recitare, nelle scene che andranno sul mio sito c’è anche un minimo di recitazione.

Come vivi la sessualità?
Mi sono avvicinata al porno perché avevo un lato esibizionista, faceva parte delle mie fantasie erotiche essere ripresa mentre facevo l’amore anche col mio partner in passato, spesso mi riprendevo ed avevo addirittura cominciato a montare delle scene, così per gioco.

Che differenze di approccio trovi nell’interagire sessualmente con uomini e donne in scena?
Io sono bisessuale anche nella vita, direi che con le donne è più complicato perché si devono alternare la parte passiva e quella attiva, mentre con un uomo devi più lasciarti condurre. Una donna devi saperla anche stimolare – non per niente pur essendo bisessuale trovo le donne molto più complicate da gestire – diciamo che piuttosto che essere aggressiva io su una donna preferisco che una donna sia aggressiva su di me, ecco.

Parliamo un po’ delle tue esperienze come camgirl…
La cam l’avevo già iniziata prima di fare porno, è stata un’esperienza totalmente a sé che ho poi concluso perché non è che si guadagnasse così tanto.
Dopo che ho fatto ‘Meritocazzia’ il mio nome ha cominciato a circolare e vengo cercata di più, perciò ora lavoro su mondocamgirl. In generale fare webcam lo trovo divertente e molto comodo, compatibile alla mia pigrizia (ride) perché si può fare anche da casa, è una cosa molto informale. Addirittura certe volte mi chiedono specificamente di rimanere in pigiama! E’ una cosetta carina ma non è che ti prepari come se dovessi fare una scena…adesso però sta per uscire il mio sito www.silvialamberti.com dove metterò tutte le mie varie scene perché, avendo un po’ di pigrizia nel viaggiare e non essendoci in Italia tutte queste possibilità di lavoro nel settore ho deciso di farmi le scene per conto mio. Del resto è da un po’ di tempo che i fan delle cam si stanno lamentando perché non ci sono mie nuove scene online, ma ci sto lavorando già d un po’ di tempo e adesso è quasi pronto. Dal sito sarà possibile anche fare direttamente le cam…

E gli spettacoli live?
No, ho lavorato per un brevissimo periodo in un night club prima di fare porno ma non ne valeva la pena, giusto per provare. L’idea a volte mi viene, ma farlo come lavoro non so, privilegio l’aspetto delle cam avendo un buon rapporto con i clienti.

Riferimenti artistici?
Il mio amore per l’erotismo viene da Klimt o autori come Manara e Crepax, i fumetti erotici insomma. Fotograficamente mi piace esplorare, non ho un genere preferito.

Il tuo rapporto con la pittura comunque non si è spezzato del tutto…
Ho ricominciato da poco a dipingere, ho iniziato a fare un quadro che rappresenta il fotogramma di un mio film in cui sto leccando un piede. Io mi trovo in una posizione plastica, vedendo questo fotogramma sono stata ispirata nel tornare a dipingermi in un contesto hard mischiando il passato (la pittura) al presente (del film porno).
La mia carriera artistica è stata fortemente legata ad una persona con cui ho vissuto sei anni molto intensi, mi sono data in tutto e per tutto a lui e alla pittura. Rompendo il rapporto con lui ho avuto allo stesso tempo un rigetto per la pittura, mi dava fastidio addirittura l’odore del colore. Da lì in poi ho preso in mano la macchina fotografica infatti.
Oggi potrei ricominciare a dedicarmi alla pittura ma non annullarmi come ho fatto prima, Molti hanno questa idea dell’arte come un qualcosa che deve essere per forza positivo, non è sempre così. Forse sarebbe stato meglio per me dedicare al porno gli anni che ho passato dipingendo, e viceversa: insomma, invertire le cose (ride)

E sul versante letteratura?
Sto leggendo una raccolta di racconti erotici che si chiama ‘Alien sex’ di William Gibson, prima leggevo di tutto essendo interessata anche a filosofia e psicologia, mi è sempre piaciuto approfondire.

Riesci ad eccitarti più per un racconto erotico, un film o una foto?
Bella domanda…la letteratura erotica ti coinvolge forse più profondamente, perché dal momento che stai leggendo cominci a crearti una realtà sulla base delle tue emozioni, dei tuoi ricordi e desideri. Un film invece è una visione già confezionata. Io ho scritto anche qualche racconto erotico, sta impolverato da qualche parte, va recuperato (ride)

I profili web di Silvia Lamberti:
https://twitter.com/silvialambertis
https://www.instagram.com/silvia_lambertis/
http://www.silvialamberti.mondocamgirls.com/
https://it.pornhub.com/pornstar/silvia-lamberti