Intervista a Roberta Farnese

Roberta, partiamo dagli inizi: com’è cominciato il tuo percorso verso i film hard?
Diciamo che io mio marito siam sempre stati molto ‘birichini’, e quindi abbiamo sempre giocato con amici…pensa che su un giornalino di quelli di una volta, sai tipo ‘Anna’, ‘Grazia’ eccetera, c’era un’intervista ad Alex Magni, e diceva appunto di cercare attrici e attori…allora, incuriositi dalla cosa – soprattutto io che son più esibizionista – ci siamo detti ‘ma dai che proviamo!’ e gli abbiamo mandato una foto. Praticamente il giorno stesso Alex mi ha telefonato subito (ride)
All’inizio era più un gioco, ma io son troppo curiosa…quindi il primo film per la CentoxCento l’abbiam fatto a casa nostra. Da lì tutte le settimane ha continuato a chiamare, quindi diciamo che son partita in questo modo.
Ho fatto mi sembra una quindicina di film con Alex, poi ho cominciato con la mia linea Roberta Farnese come produttrice, e col mio brand ne avrò fatti più di cento. Come produttrice, era la Pinko che mi distribuiva i film. Da quando ho cominciato a produrre non ho più fatto niente con CentoxCento.

In tempi più recenti ti troviamo anche come camgirl. Cosa puoi dirmi a riguardo?
Ci tengo molto al mio rapporto coi fan, a tenerli aggiornati…infatti, non facendo spettacoli, all’inizio avevo snobbato la possibilità del fare cam…invece devo dire che mi sto divertendo tantissimo nel farla: essendo molto esibizionista è una cosa che mi intriga. La cam la faccio 2 o 3 ore al giorno, non essendo il mio lavoro sono molto flessibile nel tempo impiegato in questa attività. A volte invece vedo ragazze che son lì dalla mattina, mi chiedo come facciano…d’altronde penso che sia il loro lavoro…ma sai, il mondo della pornografia è veramente ampio, anche questo è un aspetto che mi piace particolarmente: tutti questi giochi, queste fantasie che la gente ha e ti comunica, è un universo molto affascinante.

Gli show, dicevi, non li fai…
Gli spettacoli non li ho mai presi in considerazione perché non mi piace il ‘dopo’, sai i privè: una volta facevi l’ospitata, per cui tutti andavano a vedere la pornostar, adesso è diventata una cosa che a me non piace.
Noi frequentavamo dei club privè dove io ero ospite il Sabato, lì ci si divertiva tantissimo perché c’era un bel clima. Finché è divertimento va bene: poi, no. Alla base di tutto deve esserci il divertimento, anche nei film per esempio…io questo non lo concepisco come lavoro, lo faccio per appagare ‘questa mia indole’, ecco (ride)

Allora torniamo ai film. Come avviene la selezione per gli attori?
Attraverso gli annunci, perché non mi piace fare casting a pagamento. Magari facendo il tragitto in macchina ci si conosce già un po’ lì, si ride e si scherza, arriviamo che siamo già caldi e andiamo! Per girare un film ci impieghiamo circa un 5 ore, viaggi compresi. Alla fin fine ci mettiamo più tempo ad organizzare la location.

Immagino che i maschietti più ‘esperti’ poi vengano richiamati per altri video…
Si, di quelli che sono più abituati è sempre meglio averne almeno uno, che sai che ti dà più sicurezza. Il nuovo magari vuoi per l’emozione, vuoi per altro, può trovarsi in difficoltà. Diciamo che mio marito c’è sempre (ride)

E come si pongono i ‘candidati’?
C’è senz’altro il timido, quello più spigliato, ma non mi son mai trovata male, forse perché li mettiamo anche molto a loro agio: magari arrivano un po’ intimoriti, poi vedono che si ride e si scherza, quindi si rilassano e va tutto bene.

Una cosa carina sono le ‘storielle’ da cui partono i film, le situazioni iniziali…
Si, io e mio marito ci divertiamo tantissimo a fare queste scenette, queste ‘gag’…il sesso deve essere leggerezza. A me ad esempio piace tantissimo Tinto Brass proprio perché unisce il sesso al divertimento, per me quello è il massimo.
Anche l’hard a me piaceva di più una volta…nonostante adesso siano bellissime le ragazze, quando è troppo patinato mi scade un po’.

Un contesto amatoriale, dunque, fatto con cura e professionalità…
Il mio è un ‘pro amatoriale’, un amatoriale fatto con mezzi professionali. La cosa che mi piace dell’amatoriale è che tu cominci a girare e vai avanti, è tutto naturale, spontaneo, in presa diretta, non ti devi fermare per il trucco e via dicendo. Addirittura noi col nostro regista giriamo con due videocamere. riuscendo a catturare tutti i momenti importanti, di scarti non ce ne sono. Il mio regista, Ares Brunelli, ha un occhio in più e mi affido totalmente a lui per quanto riguarda il montaggio. Poi i miei film mi piace anche riguardarli, magari li mettiamo su con i fan durante la cam…

Immagino comunque che ti siano arrivate anche proposte da parte di grandi ‘brand’, giusto?
Ho rifiutato, perché cerco di tener ben distinta la mia vita privata dal resto. Mi avevan chiesto di andare in America, ma appunto ho rifiutato primo per la mia vita personale, poi anche perché, spostandosi la faccenda in ambito professionale, temevo di perdere la mia spontaneità. Una cosa a cui tengo molto è la mia libertà, se arrivo al punto di non divertirmi più questo non va bene.
Per la verità con la Pink0 ho girato con Franco Roccaforte, ho fatto un paio di film ‘professionali’, mi son divertita però sai…io sono abituata a tutta la mia libertà, questo tipo di scene un po’ ti limita. Sai cos’è che mi fa piacere, quando i fan mi incontrano e, oltre a dirmi che son più bella dal vivo che su video o in foto, sottolineano il fatto che ‘sono come sembro’, non faccio la diva. Certe persone han paura, magari dicono ‘mamma mia, pensavamo di trovare la diva che non ti guarda neanche!’ Ma per carità! Io ho avuto questo riscontro positivo, sono orgogliosa del fatto che il personaggio Roberta Farnese è la Roberta di tutti i giorni.

La tempistica delle varie produzioni ha ritmi serrati?
Prima facevo 4 film al mese, praticamente. Adesso da produttrice sono un po’ più libera in questo senso. La distribuzione è poi della Pinko come ti dicevo,
mentre per ciò che riguarda i tempi e i modi di realizzazione io sono molto indipendente, lavoro bene da sola. Mi han chiesto anche delle collaborazioni, ma non fa per me.

Di recente ho visto che hai realizzato un video per un nuovo servizio, puoi ricordarmi di cosa si tratta?
Si è secretlook.me, una piattaforma nuova in cui sto mettendo video e foto inedite che non metto da nessun’altra parte. Ho la mia pagina e sono molto attiva lì, con la massima libertà di inserimento. Quando sarà più caldo cominceremo con degli esterni molto divertenti, per cui inserirò anche altro materiale. Grazie alla dimensione digitale riesco a dare sfogo al mio esibizionismo!

…in questo video impartisci un bel blow job portando gli occhiali, cosa che ti consiglio vivamente di ripetere!
Ah gli occhiali, sono anche obbligata a portarli eh (ride) Ho notato comunque che è piaciuto, si, forse sarà per quest’aria da segretaria/maestrina…

Parlando in generale, qual’è il tuo look ‘intimo’ ideale?
A me piace molto essere femminile, con calze, tacchi, lingerie nera o rossa…sempre scarpe: anche nuda, ma con le scarpe! Io difficilmente faccio sesso senza scarpe, ne avrò un centinaio a dir poco, anche perché nella realtà ho sempre i miei 10-12 cm di tacco tranne quando vado a correre, per ovvie ragioni.

…e non ti mancano i tatuaggi, no?
Tatuaggi ne ho 5-6, quello sulla spalla è un po’ più grandino. La body art mi piace, fosse per me sarei già piena: il problema è che ho una pelle molto delicata e sento molto male…ma ti dico, se devo guardare un video me lo guardo con la pornostar tatuata!

Ecco, a proposito di video: li guardi quelli delle altre pornostar? Hai delle preferenze?
Io ho sempre prestato attenzione a chi gode veramente, forse anche per questo son diventata molto spontanea, perché mi piace vedere quando godono davvero, e si vede, c’è poco da fare. Come nome maschile posso farti quello di Franco Roccaforte, molto bravo, un professionista ‘vecchio stile’. Tra le ragazze mi piace molto Lara De Santis, una ragazza dolcissima con cui mi son trovata molto bene. Con lei ho girato il mio secondo o terzo film che ha avuto un buon successo.

Per finire, le scene saffiche: ti piacciono?
Il lesbo mi piace molto, sono molto bisex diciamo, ma questo vale più sul privato, al di fuori della produzione.

Profilo Twitter di Roberta Farnese
Roberta su mondocamgirls
Roberta su secretlook
Film di Roberta per la CentoxCento
Film di Roberta su Pinko VOD

Taggato con: