Intervista a Lara De Santis

Com’è avvenuto il tuo primo contatto col mondo dell’hard?

Per gioco. Ho fatto un video per la CentoxCento produzioni amatoriali, per vedere cosa si prova e per divertimento. Non pensavo minimamente di fare una carriera.


Ti sei trovata subito a tuo agio sul set o ci è voluto un po’ per ambientarti, specialmente nei primi tempi?

Diciamo che un pochino ero già abituata, mio marito mi faceva sempre video e foto mentre facevo sesso, ovviamente davanti a degli sconosciuti è diverso, quindi mi ci è voluto un po’ per abituarmi al tutto, ma dopo un paio di scene ero già perfettamente a mio agio. 


I tuoi primi film – correggimi se sbaglio – li giri con la CentoxCento, produzione amatoriale leader in Italia…quali sono secondo te gli aspetti positivi del mondo porno amatoriale e quali, se ce ne sono, i limiti?

Si, i miei primi film sono stati girati per la CentoxCento. Dal punto di vista degli attori, uno dei aspetti positivi dei film amatoriali è quello che sono più liberi in quello che fanno durante le scene, le posizioni che prendono, quello che dicono, insomma lo fanno un po’ come a casa loro, tenendo solo conto della telecamera che riprende. Non ci sono tante regole, e tanti preparativi, ma ovviamente la qualità dei filmati non può essere uguale come nei film professionisti. Lì ci sono, di solito, molte persone che si occupano del set, luci, scenografia, trucco e preparazione per gli attori, per garantire una scena perfetta. Sono due tipi di porno diversi, ma ognuno ha il suo vasto pubblico.

Sei passata poi a produzioni con attori professionisti: quali sono state le esperienze più significative, o comunque quelle che ricordi con maggior soddisfazione?

Si, dopo un po’ di film con la CentoxCento hanno cominciato a chiamarmi altri: Mattcore col quale ho girato uno Sperma Party favoloso. Poi, Andy Casanova e ho girato “La Marcazzi e il grande randello”, film che ha avuto molto successo, tant’è che subito dopo ne abbiamo fatto un altro, creando un bellissimo rapporto lavorativo ma anche una grande amicizia. Per i miei primi anni nel porno ho avuto il piacere di lavorare con grandi case di produzioni come Marc Dorcel, Private, Evil Angel, LegalPorno, 21sextury e tante altre. Ma forse l’esperienza più significativa è stata quella di aver fatto parte della prima Hard Academy di Rocco Siffredi. Sono stati 15 giorni meravigliosi, abbiamo creato amicizie e ci siamo divertiti tantissimo, creando un prodotto fuori dal comune che se non sbaglio ancora va su Neflix e altri canali. Ho avuto la fortuna di fare parte di un progetto bellissimo e di conoscere Rocco, in tutta sua grandezza, e non parlo di doti fisiche, che purtroppo non ho avuto il modo di provare in quanto lui non lavorava come attore in quel periodo, ma parlo della grandezza del suo essere. Non solo un grande professionista ma soprattutto un grande uomo, una persona meravigliosa, umile e intelligente, con un grande cuore. Quell’esperienza rimarrà sempre nel mio cuore e credo in tutti quelli presenti là. Indimenticabile!


Quando ho chiesto a Roberta Farnese chi tra le sue/vostre colleghe ricorda in modo positivo mi ha detto: ‘Lara De Santis, una ragazza dolcissima con cui mi son trovata molto bene’. Tu che ricordo conservi dell’esperienza sul set con Roberta, e, in generale, quali sono gli attori, attrici e registi con cui hai trovato soddisfazione sul piano umano e professionale?

Con Roberta mi sono trovata benissimo! Oltre che una bellissima donna è una persona meravigliosa, siamo entrate subito in sintonia e abbiamo girato una scena che ha fatto subito colpo. 😉

Di solito sul set sono una che va d’accordo con tutti, e anche in generale. Secondo me, in ogni persona c’è qualcosa di buono e di carino quindi io cerco quelle cose e mi concentro su di esse. Se ci sono lati negativi di una persona cerco di non guardarli.

Comunque ho bellissimi ricordi di tutti quanti, perché conservo solo quelle belle. Quello meno le butto via subito. 😉


Film porno con trama vs all sex: se non erro tu hai partecipato a video di entrambi i generi…quali sono le problematiche principali per un’attrice nell’affrontare un set di un film ‘con una storia’ rispetto al dover girare una scena di sesso più lunga senza alcuna esigenza di ‘recitazione’?


A me piace recitare, anche se non sono bravissima, dovrei prendere qualche corso, ma mi diverto a farlo e non mi pesa, mi piace mettermi in gioco e vedere cosa sono capace fare. Facendo porno da tanti anni, anche una scena di sesso più lunga non mi crea problemi, quindi in entrambi i casi va bene per me.


Ad oggi, Lara, trovi ancora interesse nel partecipare attivamente a questo settore? Sono cambiate le tue motivazioni rispetto a quelle con cui hai esordito nell’hard?


Certo, a me piace ancora il porno, l’unico problema è che c’è un tempo per tutto. Ho fatto 40 da poco, mi ritengo una bella quarantenne ma gli anni comunque passano e non potrò fare ancora per molto tempo i film. Le motivazioni, cambiano certo nel tempo… ma l’interesse per questo mondo c’è ancora.


Domande sugli spettacoli

La tua prima volta sul palco: ti ricordi le sensazioni, le emozioni e, perché no, l’imbarazzo se c’è stato nell’approcciare all’universo degli spettacoli?

Certo che mi ricordo. Era nel 2012 a Bergamo Sex ed ero imbarazzatissima! Il mio primo spettacolo davanti a migliaia di persone. Tremavo come una foglia, credevo poi di aver fatto uno spettacolo bruttissimo, invece mi sono riguardata dopo tanti anni e non era poi così male.


Da quale aspetto nasce un tuo spettacolo (musica, costumi o altro)?

Uno dei miei primi spettacoli, con quale mi esibisco ancora ogni tanto, è quello con il costume di angelo. Inizialmente, durante lo spettacolo c’era il cambiamento in diavoletto, quindi era un po’ quello che credevo mi caratterizzava nel porno, metaforicamente parlando. Perché tutti mi dicevano che sembro così dolce, carina e tranquilla, poi durante il sesso mi trasformavo. Ovviamente non in diavolo ma in una grande maiala 🙂

Di solito quando mi creo qualche nuovo spettacolo parto dal costume. Se mi piacciono dei vestiti che voglio usare oppure me li faccio io, dopo vado a cercare una musica che può andare bene e via, mando tutto al mio dj che lo prepara.

Nell’esibirti dal vivo quanto è importante per te la parte più ‘soft’ ed erotica dello show? Dedichi attenzione alle coreografie o preferisci puntare sul ‘linguaggio del corpo’ (sguardo, movenze particolari)?

No, coreografia non c’è. Punto di solito sulle movenze sexy e soprattutto sullo sguardo che secondo me e quello che colpisce di più. Interagire visivamente con le persone presenti, coinvolgerle nel mio spettacolo è la cosa che mi piace tanto e lo trovo veramente molto erotico.


Ti sei esibita anche all’estero? Se si, quali differenze hai notato con i locali e col pubblico italiano?

Si, mi esibisco anche al estero ogni tanto. Non ci sono differenze, dipende sempre dal locale, dalla zona, dal vocalist, e dalla serata in generale. Di solito ho sempre un pubblico molto attivo.

Domanda un po’ banale ma ‘ci può stare’: un consiglio alle ragazze che si affacciano oggi alla dimensione lap dance/night club…come vedi il futuro di questo settore?

Questo mondo andrà sempre bene, ovviamente delle crisi ci sono e ci saranno sempre, ma la donna attirerà sempre e comunque. Tuttavia il mio consiglio per le ragazze giovanissime che vorrebbero entrare nel modo erotico in generale è di pensare bene prima e solo se sono sicure di volerlo fare allora farlo. Non agire solo d’impulso. Tutto qua.

Concludendo…

Qualche curiosità su di te…chi è Lara nella vita quotidiana, quali passioni e hobby coltivi? Il tuo più grande pregio caratteriale e un difetto che, invece, cambieresti nel tuo modo di essere?

Sono una persona normalissima. Con tanti pregi ma ovviamente anche difetti. Faccio una vita tranquilla ma serena, sono in pace con me stessa e vado d’accordo con tutti, senza però avere moltissimi amici intimi. Mi piace cucinare, vado in palestra con regolarità, leggo e ascolto musica per rilassarmi. Amo gli animali in generale. In particolare, tantissimo il mio furetto che è come un bambino per me. Mi piace la mia vita, amo me stessa e sto bene con tutti. Le cose negative, come ho detto in precedenza non mi interessano quindi le butto via.

Lara su Twitter
Lara su Instagram
Sito ufficiale

Taggato con: