Intervista a Raul Costa

Raul come e quando hai iniziato a fare l’attore hard? Parlami degli esordi e delle prime scene girate…

Sono entrato nel porno grazie a Roberta Gemma, le prime scene che ho fatto sono state girate a Roma per la sua produzione. Successivamente ho iniziato all’ estero, per la precisione a Budapest per la produzione DDF e a Praga per la Legalporno.

Guardando la tua filmografia ho notato che ti sei presto proiettato in un contesto di produzioni internazionali molto importanti: avevi fin da subito l’idea di fare porno in modo professionale o all’inizio era solo per passione?

Non avrei mai fatto porno se non fossi stato certo di lavorare con professionisti, quindi per produzioni internazionali.

Tra le varie scene girate e le produzioni con cui hai lavorato, quali sono state le esperienze più gratificanti?

Avendo recitato in teatro, probabilmente le scene con trama sono quelle che piu preferisco. Inoltre, come nel caso di Dorcel, sono le scene che mi hanno portato diverse nomination agli oscar del porno (avn e xbiz) in questi 3 anni di carriera.

Si parla spesso dei rapporti tra le pornoattrici, facciamolo invece per i maschi: tra voi colleghi come vi confrontate, la concorrenza può portare ad avere poche amicizie sincere all’interno del settore?

Non ho molti amici tra gli attori, ne ho piu tra i produttori o registi. Purtroppo c’ è molta competizione, e in generale non ho molti interessi in comune con i miei colleghi.

Si dice spesso che il mestiere del pornoattore ha tempistiche irregolari: in certi periodi lavori intensamente, in altri le chiamate possono essere poche. È vero? Hai attraversato anche tu questo passaggio?

No, credo valga piu per le donne questo discorso. Gli uomini sono pochi nel porno, se sono capaci e professionali avranno sempre lavoro.

Dal punto di vista ‘tecnico’ se mi passi il termine, un performer hard può migliorare accumulando esperienza? Parlo sia della condizione fisica che mentale sul set. Tu ad esempio senti di essere cresciuto nel modo in cui affronti una scena oggi rispetto a qualche anno fa?

Sicuramente l’esperienza sul set ti porta a conoscere meglio il tuo corpo in quelle situazioni, ma il vero miglioramento lo si sviluppa nella capacitá di favorire “la camera” durante l’atto sessuale, e nella gestione degli imprevisti.

Inevitabile la domanda sulle partner. Tra quelle con cui hai fatto video, quali ritieni meritino di essere chiamate ‘pornostar’ perchè oggettivamente migliori nelle modalità con cui sanno interagire col maschio?

Ho girato piu di 600 film, sarebbe complicato fare solo qualche nome, e anche poco rispettoso nei confronti delle altre colleghe.

Sempre a questo proposito dimmi: secondo te, qual’e la difficoltà maggiore per un attore hard durante le riprese?

Sicuramente in linea generale, il fatto di dover pensare alle esigenze della produzione piuttosto che al piacere personale; ma le problematiche su un set hard possono essere innumerevoli.

Ti è capitato di dover sostenere più di una scena in uno stesso giorno? Se si, in questi casi come riesci a ‘gestirti’ sia nel fisico che psicologicamente?

Non amo farlo, ma è capitato. Di solito mangio correttamente e riposo un’ ora, poi sono pronto per un’ altra scena.

Parliamo di registi…secondo te in una scena porno oggi conta ancora la figura di un ‘buon regista’ oppure è tutto sulle spalle degli attori e della loro capacità di realizzare una buona performance?

Il risultato finale di un prodotto artistico dipende sempre dal lavoro di ogni persona che ne prende parte. Questo vale per ogni forma d’arte, quindi anche per il porno.

Sai meglio di me che molti attori decidono durante le loro carriere di cimentarsi appunto anche come registi, magari lanciando poi un loro brand…che ne pensi, è uno step che ti interessa?

I migliori registi hard sono solitamente coloro che hanno esperienza sul set, quindi spesso ex attori. In futuro produrre mi intriga, la regia un po meno.

C’è un luogo comune riguardo agli attori porno che ti va di sfatare (ad esempio, tutti quelli che dicono ‘beati loro, son pagati per scopare e basta’ e altre cose del genere…)?

Posso solo dire che come ogni altro lavoro, il porno ha i suoi lati positivi e negativi.

A tuo modo di vedere, vale a dire come attore, esiste quella che molti chiamano ‘crisi del porno’ per mancanza di qualità e scarsi guadagni?

Sicuramente internet ha cambiato molto questo business, rendendolo piu come una “fabbrica” per l’aumento della domanda…inevitabilmente quando aumenta la quantitá, la qualitá ne risente.
Per guadagnare come un tempo, bisogna saper sfruttare internet.

Per finire, hai ancora un ‘pornosogno’ nel cassetto per il futuro?

” pornosogno”…beh, produrre o vincere qualche riconoscimento a livello individuale sarebbe certamente gratificante.

Account Twitter di Raul Costa
Raul su Facebook
Raul su Instagram

Taggato con: