Noemi Blonde: le mie provocazioni e altre storie

Ciao Noemi, ben trovata! Comincerei parlando di una delle novità che ti riguardano, ovvero il tuo recente account ufficiale su Pornhub https://it.pornhub.com/model/noemi-blonde
Si, il profilo l’ho creato pochissimo tempo fa e riguarda l’inserimento di video recenti, cose molto amatoriali. Non ci sono video di grosse case di produzione: io di offerte ne ho avute molte a questo riguardo, non si è trattato però di cose eclatanti o vantaggiose per me, per cui ho sempre rifiutato. Insieme ad un gruppo di ‘scopamici’ abbiamo comunque deciso di creare questo profilo su Pornhub per mettere In visione o in vendita alcuni spezzoni di filmati amatoriali come detto. Alcuni sono anche gratuiti: chiaramente arricchirò di frequente il profilo mettendone altri.
Su Twitter avevo già pubblicato le anteprime di alcuni video, che invece su Pornhub sono visibili in versione integrale, senza censura.

Si diceva dunque che potresti prendere in considerazione solo offerte da parte di produzioni importanti, prestigiose e comunque solo di un certo livello…
Esatto. Tra l’altro recentemente sto parlando anche con Priscilla Salerno, che come sai ha una sua nuova casa di produzione a Miami: è ancora tutto da decidere, diciamo che ci sono molte cose in ballo.

Ecco, parliamo se possibile di questi nuovi progetti…
Attualmente io sto facendo alcuni casting per film assolutamente non porno, quindi potrei dire di voler intraprendere ‘un nuovo percorso’: ho già preso parte a ‘La paranza dei bambini’, film basato sul romanzo di Saviano, mentre di recente ho sostenuto un casting per una serie tv in cui potrei avere una parte di rilievo che dovrebbe andare in onda su una grande piattaforma streaming e on demand, vediamo cosa ne verrà fuori. Chiaramente se facessi quest’ultima scelta presterei attenzione non ‘mescolare’ i due ambienti, quello ‘televisivo’ e quello hard.

Spostiamoci sul versante ‘provocatorio’ di un tuo tweet ed un video che hanno avuto grossa risonanza…
Si, sono stata recentemente contattata da alcuni media e testate giornalistiche a proposito del post ‘Io Ingoio’, che se ben ricordi ho pubblicato tempo fa…diciamo che questa cosa l’ho fatta a mo’ di provocazione, appunto:: non è che penso esattamente tutto quello che ho dichiarato. Ho scritto ‘Io ingoio per tre motivi: per la salute, per il sociale, per la patria’ ma è chiaro che non penso minimamente a farlo con la prima persona che mi capita! Esistono concetti quali prevenzione che ho in massima considerazione, ci tengo a dirlo. Vero è che sono stata molto attaccata e criticata da persone che non hanno capito questa mia provocazione.
A questo riguardo ho fatto un video con Max Felicitas presente su Youtube e Facebook che ha ottenuto e sta continuando ad avere numeri altissimi di visualizzazioni, e ti dico, lì mi hanno proprio fatto un ‘cappottone’ di polemiche! Da un lato capisco che il mio modo di esprimermi forse è stato molto ‘forte’ e diretto, ma l’ho fatto comunque con ironia. Io per sfizio sono andata a vedere chi erano le persone che mi hanno criticato, e mi sono resa conto che si trattava di madri di famiglia o signore sposate diciamo…per cui mi son chiesta: ma tu che sei madre ‘insospettabile’ com’è che vai a vedere un video in cui trovi scritto che c’è ‘la maestra del golaprofonda’?

Ecco il tweet di Noemi di cui stiamo parlando

Probabile che se ci si interessa di un video così lo si fa in piena coscienza dei contenuti trattati nel video stesso, insomma…
Esatto! Per cui dico: se tu madre o comunque persona che ti ritieni inattaccabile segui il profilo ed i video di un pornoattore – in questo caso Max – come ti permetti poi di venire a fare la morale a me nei vari commenti, semplicemente perché ho dichiarato ‘io ingoio’ per questo o quell’altro motivo? Tra l’altro il video in cui vengo intervistata non è affatto scabroso, non è un video porno per essere chiari.

Insomma, il tutto è giocato su una provocazione ironica da parte tua…
Il video l’ho voluto fare perché purtroppo se dici le cose come stanno non ottieni molta considerazione, la gente ‘non ti dà retta’. Se tu invece provochi, anche magari parlando di cose che non pensi esattamente così come le dici, sai che in questo modo riesci ad attirare l’attenzione delle persone. Per farti un altro esempio, in conclusione del video io ho buttato lì una considerazione in modo molto scherzoso…si sente talvolta dire che certi posti di lavoro una, anche se laureata e ben preparata, se li possa conservare solo se ‘va a letto col capo’. Per cui ho lanciato la provocazione: così come chi ha studiato si è fatta ‘il mazzo’, anche quella che non è laureata il posto se lo suda accettando di andare con uno che non le piace! Ripeto, è chiaro che ho voluto punzecchiare ed è una battuta che fa ridere, purtroppo però la gente, pur non pensandola come me a proposito del ‘provocare’, mi ha detto ‘le peggio cose’ 🙂

Dunque se ho capito bene è mancata un po’ di leggerezza nell’interpretare questa considerazione ironica…
Facendo interviste di questo tipo la cosa che mi preme sarebbe quella di poter andare sul piccolo schermo e vedere in faccia tutti coloro che possono appoggiarmi oppure attaccarmi o criticarmi. Faccio un esempio; se io andassi ad un talk show potrei avere un riscontro vis a vis con chi mi va contro, invece in questo caso posso sì leggere dei commenti ma si sa, è facile nascondersi dietro un computer.

…il trovarti insomma in un ‘salotto’ in cui poter spiegare ed argomentare le tue considerazioni…
Esatto. Altro mio obbiettivo sarebbe potermi trovare nella possibilità di fare un reality di alto livello, perché in quel caso la gente potrebbe ricredersi su di me come persona e non come personaggio. Anche perché tutti siamo abituati a considerare le pornostar come ‘personaggi’, quando poi in certe situazioni possono tirare fuori il meglio di sé – penso a Malena a ‘L’Isola dei famosi’ ad esempio.

Diciamo che molta gente si fa un’opinione di chi fa porno come se si trattasse di esseri privi di personalità o comunque di parola: per cui il rendersi conto che invece si tratta di persone normalissime, con le proprie idee e le proprie opinioni – persone appunto, non solo personaggi – crea disagio e incredulità. Si ha insomma una percezione sbagliata del settore ‘per adulti’ e di chi ne fa parte.
A proposito di questo devo dirti che io a Luglio ho avuto una bruttissima esperienza: sono stata attaccata fisicamente da una persona che non conoscevo. Mi trovavo a Roma con degli amici ad una cena in un locale, ero normalmente seduta al tavolo e questa ragazza che io non avevo mai visto prima – e che ho scoperto poi trattarsi di una colombiana – mi è venuta alle spalle sbattendomi violentemente in testa una bottiglia di champagne che aveva rubato in precedenza. Io sono stata ben due mesi in ospedale con un’emorragia cerebrale, una cosa che ovviamente non auguro a nessuno. Per fortuna questa persona è stata individuata, arrestata e giustizia è stata fatta.

E questo come mai, voglio dire: quale presunta motivazione è emersa per un gesto tale?
Da quanto ha dichiarato poi ho capito che lei mi aveva riconosciuto come Noemi Blonde per via delle tante foto in rete e sui social, e in pratica l’ha fatto per gelosia: ha capito chi ero, stavo lì ‘a fare la splendida’ (secondo lei) con gli amici, magari questa era drogata o ubriaca, non c’ha visto più e mi ha colpito. Che poi io dico: se ti sto sul cavolo basta che mi vieni vicino e mi dci qualcosa o mi provochi, no? Ad ogni modo dopo è emerso che lei aveva dei precedenti, per cui sono stata fortunata a ‘cavarmela’ senza subire un’aggressione più grave…in questa maniera non mi è rimasto alcun segno estetico.

Dunque per fortuna nessuna conseguenza a lungo termine…
Nessuna, a distanza di pochi mesi sto benissimo. A suo tempo i medici temevano potessi avere delle complicazioni sul piano del linguaggio, dei riflessi, nel muovermi, invece niente di tutto questo. Io ovviamente ho dovuto comunque annullare tutta una serie di date, non sapevo nemmeno se sarei riuscita ad essere presente al BergamoSex di fine Agosto con il mio show perché durante il ricovero ho fatto una cura di cortisone fortissima ed ero molto gonfiata. Appena sono stata dimessa ho cercato di recuperare la forma attraverso una dieta mirata: ci tenevo molto perché comunque il BergamoSex è l’evento erotico più importante e frequentato in Italia, per cui mi dovevo fare vedere da tantissime persone: mi preoccupava il mostrarmi ingrassata o con ematomi visibili. Alla fine però ce l’ho fatta, sono andata alla fiera e mi sono esibita regolarmente!

Certo che sul piano emotivo un’esperienza del genere lascia comunque delle tracce…
In effetti i dottori mi avevano consigliato di andare da uno psicologo, però la mia ‘fortuna’ è stata quella di non aver visto nulla dell’aggressione: quando sono stata interrogata a riguardo non sapevo cosa dire…pensavo di esser caduta dalla sedia, di certo non mi sarei immaginata che una persona mi venisse addosso in quel modo e comunque non l’avevo davanti, per cui non mi ero proprio accorta di nulla e non ho ricordi di quel momento. Gli unici incubi che ho fatto nei primi giorni di ospedale erano dovuti alla paura di perdere la razionalità che avevo in precedenza, ecco…ma per fortuna tutto è andato bene, anche i poliziotti sono stati veramente fantastici ed efficienti.

Chiusa questa brutta parentesi sei ripartita alla grande…
A partire dal BergamoSex in poi non mi sono mai fermata, ho fatto date su date, sono stata all’ExSex a Bolzano, a Gennaio sarò fuori Italia, a Marzo nuovamente a Miami e a Giugno a New York, sempre per spettacoli.

Per cui torniamo al discorso dei ‘desiderata’, dei nuovi obbiettivi che vanno al di là dell’ambiente hard e sexy…
Certo, come dicevo il mio obbiettivo di oggi è cercare di fare una cosa un po’ diversa, puntare ad un qualcosa apparentemente un po’ più grande di me che possa mettermi in luce in maniera nuova, non per forza come la sexystar e la pornostar. Anche l’anno scorso fui chiamata ad un colloquio molto lungo agli studi di Cinecittà. In quella occasione cercai di non parlare della mia professione, ma non perché me ne vergognassi, anzi: sono fiera del mio nome e di quello che ho fatto per arrivare dove sono: sento di aver dato tutto a questo settore, qua in Italia. Semplicemente vorrei che la gente mi considerasse anche per altri motivi. Vedevo però che la redazione puntava molto sul fatto che parlassi del mio lavoro, del mio essere sexystar con esperienze hard, del resto trattandosi di un programma televisivo tu devi andare sul sicuro puntando all’audicence…evidentemente la mia volontà di andare oltre queste cose non coincideva con quello che mi veniva richiesto, per cui la cosa non è andata a buon fine. Resto comunque convinta che se ci si ferma a quello che si è ottenuto non si matura: se si cerca invece di raggiungere mete sempre più lontane, cose che magari si ritengono irrealizzabili, questo sia motivo di crescita personale. Di occasioni per tentare di avvicinarsi a quello che mi sono prefissa ce ne saranno altre e spero che prima o poi questo mio desiderio si possa concretizzare.

Seguite Noemi Blonde ne suoi social per restare aggiornati su tutto ciò che la riguarda:
Twitter https://twitter.com/noemiblonde
Instagram https://www.instagram.com/noemiblonde.official/
Facebook https://www.facebook.com/noemyblonde/
Canale Pornhub https://it.pornhub.com/model/noemi-blonde

Taggato con: