Intervista Alla Camgirl RedVelvet

Un po’ angelo un po’ diavolo, con quella mascherina rossa che la rende ancora più intrigante, RedVelvet – o meglio Alessia – si dimostra piacevole e simpatica nel parlare di sè.

Ciao Alessia, mi sono imbattuto nella tua pagina su Mondocam e sono rimasto favorevolmente colpito da alcune tue foto. La curiosità, si sa, è un motore molto potente, per cui ti chiedo anzitutto: da quanto tempo sei camgirl e come ha avuto inizio il tuo rapporto con questo tipo di attività?
Ciao Alessio! Innanzi tutto ti ringrazio per questa proposta.
Sono una camgirl da qualche anno. Fin da ragazza frequentavo chat a sfondo sessuale, ed ero attratta e incuriosita da questo mondo; poi un giorno guardando la tv ho trovato un documentario sulle camgirl e da lì ho cominciato a pensarci seriamente.

Hai un’offerta molto ampia quanto a tipologie di show, tutti elencati con chiarezza. Quali sono quelli che ti vengono richiesti più spesso e quelli per cui hai ricevuto maggiori consensi?
Di solito mi viene richiesto uno show in cui anche io provo piacere e mi diverto, però in  tutti i miei show mi diverto, visto che posso scegliere cosa fare e cosa no: è proprio questo il bello! Non sono costretta a fare nulla se non lo voglio! Devo dire che lo squirt piace un sacco ai miei utenti e pure a me!

Fare camming è un’attività che, pur riguardando uno spettacolo basato sul fisico, richiede a mio avviso anche determinate coordinate ‘mentali’ da entrambe le parti, sia da chi fa lo show che da chi vi assiste. Sei d’accordo con questa affermazione? Quanto è importante l’intesa che si riesce a instaurare con l’utente, da questo punto di vista?
Sono d’accordissimo! E’ molto importante questa intesa per trarre piacere da entrambe le parti.
Purtroppo a volte si trovano persone poco serie, quindi all’inizio c’è sempre un po’ di diffidenza e freddezza. personalmente preferisco rapporti basati sul rispetto e sincerità.

Io vedo la cam come una sorta di ‘spazio di gioco erotico’ in cui avviene uno scambio reciproco di eccitazione ed energia. A te capita di eccitarti e sorprenderti a provare piacere durante i tuoi show? Quali sono le condizioni che possono rendere sempre emozionante l’essere camgirl, pur facendolo con cadenza quotidiana e abitudinaria?
Si Alessio, mi diverto molto durante i miei show, non li farei se non mi divertissi.
La cosa più bella sono le persone che ti fanno sentire apprezzata, amata, e che ti fanno capire che in quel momento stanno dimenticando la noia e i problemi della vita quotidiana. Mi eccita parecchio quando c’è molta interazione piuttosto che chi guarda e basta.

Scendendo nel particolare, mi pare che proponi molte pratiche orientate al fetish e al bdsm. Questa dimensione richiede che un utente sia fortemente ricettivo, ovvero si metta nelle tue mani di ‘padrona’. L’identità di mistress ti si addice anche caratterialmente, o si tratta solo di un ruolo ‘professionale’?
Sono dominante anche nella vita di tutti i giorni. Nella mia adolescenza ho sempre fatto fatica a trovare la mia identità sessuale, essendo cresciuta in una famiglia molto cristiana, dove il sesso era un tabù. Col tempo ho imparato a conoscermi e anche l’attività di camgirl mi ha aiutata molto ad essere più sicura di me stessa, e a capire che mi piace dominare in un rapporto.

Cosa puoi dirmi invece riguardo l’opposto, ovvero il ruolo di slave? Ti presti ad interpretare anche questa identità con relative pratiche in cui sei tu ad essere dominata?
No, non accetto mai quando mi viene proposto il ruolo di slave, non mi è mai piaciuta l’idea.
Devo avere io il controllo della situazione, già il fatto che decido io il prezzo e cosa fare mi mette in una posizione dominante.

Io penso che, per fidelizzare un utente, una camgirl debba essere molto creativa. Sei d’accordo? In altre parole, che ruolo riveste la fantasia e la capacità d’inventarsi situazioni sempre nuove e stimolanti nel tuo lavoro?
Si confermo, bisogna avere molta fantasia. Devi offrire sempre qualcosa in più, delle novità, promozioni, foto, video, social. Altrimenti diventi routine come quello da cui i clienti scappano. 
Anche la sincerità è molto importante. non piace a nessuno sentirsi preso in giro, a meno che non lo chieda esplicitamente!

Quanto detto sopra vale anche nella dimensione video, tu ne hai diversi in vendita. Ti piace dedicarti a realizzarli o preferisci lo show vero e proprio? Da un punto di vista economico, cosa è più conveniente e remunerativo?
Purtroppo ho una vita personale molto piena, quindi non ho moltissimo tempo per registrare video. Spesso quelli che pubblico sono richieste che ho ricevuto.
Diciamo che il video può essere venduto più volte, nello show invece c’è l’interazione tra 2 persone, che personalmente preferisco.

Immagina che un utente ti contatti e ti dica ‘Cara Alessia, mi fido di te: decidi tu lo show che ti definisce meglio e il video che reputi migliore, li prendo’. Tu cosa sceglieresti?
Dipende anche dal momento in cui mi contatta. Noi donne siamo strane…un giorno ci va una cosa il giorno dopo non ci va più! 
Io adoro lo squirting, sono in paradiso quando mi succede! Quindi consiglio spesso quello!

Parliamo un po’ dell’aspetto finanziario della tua attività. Tu sei una camgirl professionista che conosce questo settore, quanto incide l’aspetto economico nel continuare a fare cam?
Avendo un lavoro e una vita piena, spesso non ho tempo. Ovviamente in questo settore quell’aspetto è importante, soprattutto se è l’unica entrata che hai.
Mi piace il sesso, il fetish e farlo in cam calma le mie voglie e mi dà quel pepe che mi aiuta ad affrontare meglio la vita di tutti i giorni!

Una curiosità: il rapporto con le tue colleghe. Esiste amicizia/solidarietà o prevale lo spirito competitivo, per quanto comprensibile?
Secondo me prevale lo spirito competitivo. Mi è capitato raramente di parlare con mie colleghe. Potrei pensare a qualche collaborazione in futuro, sono bisex e adoro divertirmi anche con le donne, sarebbe una bella opportunità per divertirsi e creare contenuti nuovi e diversi.

Per finire, vedo che nel tuo profilo hai elencato diverse lingue parlate. Ti capitano molti utenti stranieri o comunque hai/hai avuto esperienze in piattaforme di camming non italiane?
Adoro viaggiare e sono sempre stata portata per le lingue! Le imparo in fretta. Ho avuto esperienze in piattaforme straniere, e sapere più di qualche lingua mi ha aiutato parecchio: è molto importante poter comunicare con le persone. Qui su Mondo conosco moltissimi italiani e pochi che parlano l’inglese. 

Per saperne di più sulle cam di RedVelvet, ecco i suoi account:
https://redvelvet.mondocamgirls.com/
http://xRedVelvetx.cammodels.com
https://www.xlovecam.com/model/RedVelvet/?id_model=564791

Taggato con: