Capitano Eric e Spicylab Tra le Nomination di AltPorn Awards 2021

Tempi di nomination per l’AltPorn Awards 2021, la prestigiosa rassegna che da quasi due decenni seleziona e sancisce l’eccellenza internazionale nel settore dell’adult entertainment abbracciato nei contesti più ampi: dai paysites ai performer, dai video alla fotografia erotica, dal mondo delle cam ai sextoys.
altporn.net presenta qui tutte le categorie e le relative candidature ufficiali in vista della cerimonia e del virtual red carpet, il cui streaming è programmato per il 28 Maggio (le votazioni sono già aperte).
A tenere alta la bandiera italiana in seno alle varie categorie ho piacere di segnalare la presenza di Spicylab nella categoria ‘Best AltPorn Membership Site’ e di Capitano Eric tra i ‘Best Male Performer Of The Year’. Si tratta di due riconoscimenti significativi riguardanti una produzione, Spicylab appunto, da sempre attenta alla creazione di contenuti in cui l’erotismo e l’hard sono esplorati e declinati in maniera multiforme, utilizzando approcci visivi e concept diversi per mostrare la grande varietà di situazioni e aspetti insiti nel mondo dell’Eros. Tutto questo si traduce in un catalogo di scene e film hard in perenne crescita, sempre attento alla qualità in tutte le sue espressioni.

Capitano Eric, come detto candidato nella categoria ‘Best Male’, è assieme a Mary Rider una delle menti creatrici di Spicylab e vanta una solida esperienza di performer internazionale a cui si affiancano le attività di regista e produttore. L’occasione per fargli qualche domanda non potrebbe essere migliore.

Eric, faccio i complimenti a te per la tua candidatura a ‘Best Male’ nell’ambito dell’AltPorn Award 2021 e allo staff tutto di Spicylab per la menzione tra i ‘Best membership site’. Questi due riconoscimenti costituiscono, direi, una duplice certificazione di qualità: la tua carriera di performer da un lato, il percorso intrapreso con Spicylab e la sua struttura di paysite. Partiamo da te: come hai accolto questa notizia e, soprattutto, quali ritieni siano stati ad oggi i tuoi punti di forza che ti hanno portato fino a questa prestigiosa menzione?

Sono compiaciuto ed entusiasta della nomination che arriva in un momento di forte crescita personale e professionale da parte di una piattaforma internazionale.
Credo che la pluralità dei ruoli interpretati con la perseveranza e la passione che accompagna tutte le mie scelte ed i miei lavori,siano stati i principali punti di forza.

Nella tua esperienza di performer internazionale, quali esperienze, collaborazioni e produzioni valuti come maggiormente soddisfacenti e formative per te?

Ogni esperienza ha aggiunto un tassello al prezioso al mosaico che sta diventando la mia storia di Pornoattore. Ricordo ancora il primo ciak sul set di italian boot camp e la pacca sulla spalla datami da Rocco Siffredi per complimentarsi. Come non dimenticherò mai le migliaia di persone sotto il palco di Spicylab durante le nostre esibizioni di sesso dal vivo durante la fiera di Barcellona. Sono tanti gli episodi da raccontare…

Oltre a performare, tu sei anche regista e, come detto, produttore. Quale di queste identità senti maggiormente tua, quella ‘sul campo’ (o sul set), quella più tecnica e voyeuristica (la regia) oppure quella più strategica e ‘commerciale’ di produzione?

Io sono un uomo d’azione ed anche un creativo. Il ruolo dell’attore e quello del regista si compenetrano e alimentano a vicenda per cui mi riesce difficile scinderli o preferire l’uno all’altro. Il lato commerciale e di marketing mi compete meno e lo delego volentieri a partner più capaci che collaborano alla crescita del progetto spicylab.



Un pensiero riguardo al mondo degli attori hard maschili, spesso frainteso e mai seriamente approfondito. Che rapporti hai con i tuoi colleghi, c’è concorrenza nel settore?

Fare l’attore hard, che se ne dica, è un mestiere davvero complicato. Girare una scena hard a certi livelli necessita di una preparazione fisica e psicologica. Credo che nel settore la figura maschile sia fortemente sottovalutata. Spesso si pensa che un attore valga l’altro. Ma per il risultato finale non è sempre così. E’ vero, la donna attira il pubblico: fa vendere il prodotto! Ma la scena “bella” la porti a casa solo se tutti i protagonisti fanno bene il loro lavoro, in modo paritario.
In genere tra gli uomini non c’è reale concorrenza tranne in casi sporadici. Con i miei colleghi ho un rapporto sereno di collaborazione e complicità.

Una questione su cui si dibatte molto è l’utilizzazione di farmaci sul set, onde raggiungere una performance erettile impeccabile per durata e qualità. Come valuti le varie dicerie, sospese tra verità (poche), fake news (molte) e malignità al puro scopo di gossip coloriti? Mi parli della tua esperienza a riguardo?

Come per tutti i lavori, il motore principale che accende un attore è e dovrebbe sempre essere la passione. Quando scatta la scintilla dell’eccitazione mista ad adrenalina per un nuovo set, una nuova attrice, una routine che si ripete e si riaccende ogni giorno nuova, non c’è chimica che tenga. È quella la mia droga più potente. Pensa che quando sono al SEB di Barcellona sono così eccitato che, nonostante 12 ore di fiera ed almeno 20 spettacoli dal vivo al giorno, quando rientro in hotel ho ancora voglia di fare sesso e Mary Rider mi asseconda volentieri anche se è a sua volta stremata. Detto ciò penso che chi si rivolge alla chimica per cominciare o andare avanti in questo lavoro non ha colto veramente il senso e la bellezza di ciò che sta facendo. Per fortuna non è una pratica così diffusa, nonostante le dicerie e le fake news, che non solo fanno male al settore ma danno un cattivo esempio a tanti ragazzi che ci seguono e che potrebbero essere invogliati ad attività pericolose per la salute per emulare le prestazioni degli attori. 

Hai attivi social personali in cui inserisci contenuti esclusivi? Di cosa si tratta nello specifico?

La comunicazione attraverso i social è importante e strategica ed io sono presente su Instagram come @capitano_eric su Twitter @CapitanoEric e su Facebook @CapitanoEricOfficial. Con un tipo di comunicazione differenziata in base al canale utilizzato. I miei contenuti esclusivi li riservo a SpicyLab.org  Ed al mio OnlyFans @capitanoeric

Approfondiamo adesso la notizia della nomination di Spicylab in quanto ‘sito con membership’. Ti chiedo: quali sono le difficoltà di mantenere online e competitivo un paysite oggi, valutando anche la concomitante presenza di social a pagamento e via dicendo?

La difficoltà è nella creazione di contenuti esclusivi ed originali che mantengano acceso l’interesse degli utenti e lj spingano a scegliere di abbonarsi a noi pur nella infinita pletora di offerte possibili.
Una produzione che si impegna a confezionare un prodotto di un determinato livello e qualità non credo sia in competizione con i social dei singoli artisti. Offriamo un prodotto diverso.

La frequenza degli aggiornamenti di nuove scene è sicuramente fondamentale. E qui viene chiamata in causa la nozione di ‘pianificazione’ di nuovi contenuti, anche sulla lunga distanza. Come funziona Spicylab a riguardo, qual è il tuo ruolo in questo specifico contesto?

La pianificazione di una produzione è un esercizio molto complesso ed è possibile solo grazie al lavoro di squadra della macchina SpicyLab. Mantenere una costanza nelle uscite sicuramente è la chiave del successo. Il mio ruolo in tutto ciò è più legato alla qualità ed alla creatività del prodotto attraverso la realizzazione anche di contenuti in serie che fidelizzino il fruitore. La pianificatrice del gruppo e la responsabile del casting certamente è Mary Rider
Si stanno aggiungendo nuovi tasselli al team, grazie a cui nel prossimo futuro arricchiremo e miglioreremo la nostra offerta per quantità e qualità di prodotti
.

Quando iniziaste l’avventura di ‘Spicylab – il porno italiano fatto da italiani’ ti aspettavi che questa ‘italianità’ potesse diventare un fattore apprezzato anche all’estero, in sede di un ‘award contest’ come l’AltPorn?

L’avventura spicylab è cominciata come un gioco senza grandi ambizioni. Da subito però il riscontro mediatico e di pubblico che abbiamo ricevuto soprattutto in contesti internazionali come la Spagna ci ha lasciato intendere che avremmo potuto lasciare un segno nell’ambito della pornografia internazionale proprio grazie alla tipicità del nostro essere e pensare ed abbiamo deciso di perseverare lungo questo percorso

Tra le varie scene e film presenti su spicylab.org quali consiglieresti ad un fruitore che volesse farsi un’idea dell’ampio ventaglio di generi da voi tratta nelle vostre produzioni?

Lady Ladà e Gold Fucker, Bastarda senza pudore, Saw the fucker, Fatti mandare dalla MILF categorizzati rispettivamente come fantasy, azione, thriller e commedia.
Ci siamo sperimentati in molti altri generi. Ma lascio ai curiosi ed agli appassionati del genere la curiosità di scoprirli
.

Taggato con: