Intervista A Viking Queen

Viking Queen, il tuo nome e il logo che ti rappresenta palesano una forte fascinazione per la stirpe guerriera norrena per eccellenza – i Vichinghi, appunto. Mi sveli perchè hai scelto proprio questa identità per definire la tua figura di Moneymistress?
Sono sempre stata appassionata di storia fin da bambina, crescendo mi sono avvicinata al mondo della rievocazione del quale tutt’ora faccio parte (anche se non solo di questo popolo). Ho deciso però di scegliere proprio i Vichinghi come popolo rappresentante del mio essere Miss perché la donna aveva una posizione migliore di quella di tante altre popolazioni e in generale l’idea guerriera che si ha di loro mi rappresenta molto.

Entriamo nel merito del tuo essere MoneyMiss. Leggendoti su Twitter, la fierezza e la potenza dei ‘dogmi Findom’ che vai scrivendo creano una sorta di ‘decalogo’ della dominatrice finanziaria. E’ chiaro che la dominazione sullo slave comincia dal linguaggio con cui tu ti rapporti. Mettiamola così: la prima forma di supremazia è quella verbale, scritta o parlata. Cosa ne pensi?
Da quando il mondo virtuale ha preso così piede, non solo nella Findom, come ti poni e il linguaggio che usi sono molto importanti. Ma la prima forma di supremazia a mio parere è l’atteggiamento, il modo di essere. Posso anche scrivere dei post da gran dominatrice, ma poi magari essere una sottona tutti i giorni non avrebbe alcun senso 🙂

Personalmente attribuisco al Findom una lettura che desidero condividere con te, in maniera da verificarne l’eventuale validità. A mio avviso lo slave, prima ancora di esserlo concretamente, è una persona che desidera essere annientata mentalmente, annullata, spogliata dei suoi averi. Suo intimo scopo è quello di trovare una personalità schiacciante, autoritaria, intransigente, che provveda a soddisfare questa sua vocazione al martirio morale. Tutto questo lo trova in te, che invadi letteralmente il suo essere andando a ‘depredarlo’. Lui ha bisogno di una Regina che lo tratti come il peggiore dei sudditi. Come valuti questa teoria, ti rispecchi in essa o vanno fatte delle puntualizzazioni?
Il mondo virtuale da un lato ci ha avvicinati tutti, dall’altro invece ha creato molta confusione; le persone sono sfuggenti e hanno voglia di cambiare. Questo si è rispecchiato molto negli Slave, credo che la tua descrizione si accomuni ormai a poche persone. Molte ora hanno voglia di provare, cambiano idea, passano da una Miss all’altra o addirittura da un ruolo all’altro. Cosa a mio parere assai impossibile riconducendomi al discorso che ti facevo prima: la qualità n1 è essere dominatori o sub nell’anima, sul resto ci si lavora. Non puoi essere entrambe le cose, finirai per far male entrambe e molti scambiano un po’ di sottomissione o dominazione a letto ad esempio, all’essere switch. Per tornare alla tua domanda vedo la tua opinione come l’idea assoluta di slave, quella da manuale.

Una tua frase programmatica che adoro è ‘Vieni a farti fottere da me, tu diverrai sempre di più un rifiuto umano’: qui troviamo l’essenza della dominazione finanziaria, quella duplicità fatta di ‘omaggio da un lato, consapevole degradazione dall’altro’. Può forse accadere però – la butto lì – che chi ti omaggia non sia sempre un moneyslave, giusto? Per capirci, potrebbe anche trattarsi di un signore che, conquistato dalla tua avvenenza, senza essere schiavo manifesti il semplice desiderio di elargire un tributo alla tua bellezza ‘una tantum’, per poi dileguarsi. Capitano questi ammiratori occasionali? 
Si capitano, ma capita più spesso chi scambia un omaggio con qualcosa da avere in cambio. La base della Findom dovrebbe essere “avrò i tuoi soldi, in cambio avrai niente”; c’è un po’ di confusione nei ruoli. 

Restando in parte sull’argomento di cui sopra, parliamo un po’ della tipologia dell’omaggio che ti viene rivolto. Naturalmente ogni Moneymistress è libera di far ciò che vuole, ma per quanto riguarda te valuti più consona una mungitura finanziaria che poi tu utilizzi a tuo piacere oppure gradisci anche il ‘regalo’ vero e proprio – non l’omaggio, dunque, ma qualcosa di ben preciso che è lo slave a decidere di acquistare per te? 
Attivo periodicamente delle wish list su Amazon (ad esempio ora l’ho attivata perché si avvicina il mio compleanno – Auguri!, nda), ma generalmente preferisco gli omaggi cash da spendere come voglio.

Mangiarsi le mani – e abbandonarsi a pratiche onanistiche – è, credo ciò a cui uno schiavo si riduce quando, adorante, ammira quei frammenti del tuo corpo immortalati nelle varie foto online. Corpo che non potrà mai essere suo, accrescendo una frustrazione erotica che è per lui croce e delizia. Omaggiandoti è come se pensasse: ‘Non potrà mai avere quel corpo, ma posso riscattarmi al pensiero che una mia banconota serva ad acquistare un tessuto che entri in contatto con quella pelle’ (non per niente tu scrivi: ‘Ricoprimi dei tuoi sudati risparmi’). Hai mai pensato a questo aspetto, nello specifico? In base alla tua esperienza, uno slave può secondo te godere pensando di ‘toccarti’ tramite il denaro, giacché non può farlo in altra maniera?
Anche le pratiche Findom fanno comunque parte del mondo delle sex worker, quindi qualcuno che fa questo ragionamento ci sarà sicuramente. Difficilmente però viene posto direttamente alla Miss, magari sono pensieri loro interiori. 

Viking Queen, tu ti definisci anche come ‘Fetish Model’. A questo riguardo dimmi, come possiamo declinare la tua attività nel mondo fetish? Ad esempio, fai delle cam e, se si, quali pratiche tratti? Ancora, set fotografici e video personalizzati tramite AVN?
Spesso mi sentivo dire: hai dei bei piedi, ancor prima di essere Miss. Perché non sfruttare anche questa mia caratteristica? Il piede è comunque molto associato alla dominazione “stai sotto ai miei piedi” e via dicendo… per quanto riguarda il materiale personalizzato è possibile richiederlo sia privatamente che tramite avn. Nel canale AVN trovano comunque già molti video e foto.

Una curiosità. I rapporti tra voi ‘vere’ Moneymistress mi sembrano generalmente buoni, basati su rispetto reciproco, sostegno e supporto. Non ravviso, in linea di massima, competizione o invidie. Ho auto l’impressione giusta? Cosa possiamo dire a riguardo?
Non sono una persona con la quale è facile litigare tanto da odiarsi o come simili, a differenza di quello che magari può sembrare all’esterno. Spesso facciamo gruppi o ci sosteniamo con i like, capitano le discussioni ma per lo più con ragazze nuove del settore che non sanno cosa stanno facendo.

Un ultimo pensiero sul tuo ‘Esercito’, i tuoi fedelissimi su Telegram. Anche in questo caso utilizzi un termine bellico…essere slave di Viking Queen equivale, in un certo senso, ad una ‘Chiamata alle Armi’?
Il primo nome che ho pensato per il mio canale è stato “Esercito” ed è sempre rimasto. C’è anche un collegamento con la mia vita Vanilla che non posso riferire qui però.
È anche un po’ una presa in giro, spesso trovo ridicoli alcuni atteggiamenti dei militari stile “naja”, quando si mettono tutto assieme ad obbedire al capo in questione li associo un po’ a me ed i miei slave 🙂

La Regina Vichinga si può seguire su
Twitter https://twitter.com/vikingqueen19
AVN https://stars.avn.com/viking_queen_miss

Taggato con: