Intervista A Giada Sgh

Giada, ho avuto modo da tempo di vederti nelle varie scene presenti su analvids.com e direi che sei un punto di riferimento per chi segue la tipologia di hard proposto dalle produzioni legate a questo nome. Anzitutto mi piacerebbe sapere come hai deciso di approcciare a questo settore, qual è stata la molla che ti ha invogliato a dedicarti a questa attività…
Ho iniziato a lavorare nel mondo dell’hard circa un anno fa, dopo la fine del primo lockdown. All’inizio, era solo un’ottima scusa per fare un torto al mio ex ragazzo che mi aveva tradita qualche mese prima. Dopo la prima scena, però, ho notato che non si trattava solo di vendicarsi, era una cosa stupida e infantile…me la cavavo abbastanza bene in quello che facevo nelle scene e la cosa che mi stupì di più era che lo adoravo! Mi piacevano da morire tutte quelle cose (apparentemente strane) che mi proponevano per le mie scene…e da qui ho iniziato a costruire la mia carriera, dove in un anno ho fatto più di 100 scene di cui la maggior parte per la Legal Porno.

In base alla tua esperienza, quale trovi essere l’aspetto più gratificante della tua professione e quello più faticoso, con cui hai impiegato più tempo a familiarizzare?
Ci sono tantissimi aspetti gratificanti nella mia professione, a partire dalle scene che riesco a vendere, alle tantissime produzioni che vogliono lavorare con me, i contratti e così via..naturalmente il tutto è molto faticoso, basti solo pensare a tutta la preparazione che devo fare le mie scene anal o lavorare (a volte) con attori e attrici che non mi piacciono particolarmente. Forse la cosa con cui sto iniziando a prendere confidenza solo adesso, sono le scene foot fetish…Io, come già sanno tutti, odio i piedi ma adoro sottomettere perciò ho iniziato ad elaborare la cosa in modo da poter lavorare a questo tipo di scene in maniera più veloce e serena possibile.

Vorrei fare con te un confronto tra le energie fisiche che, per forza di cose, una performer dedica a scene hardcore, e l’impegno emotivo che questo necessita. Alla fine dei giochi, fare porno ad un certo livello è un fatto fisico ma anche cerebrale?
Assolutamente si, lo stress fisico lo possono notare tutti vedendo la scena, il mantenere la posizione (seppur scomoda) tra olii e gel che sono ovunque…lo stress mentale é inevitabile, per questo molte volte mi estraneo da qualsiasi social e prendo un po’ di tempo per me e la mia vita personale. Alla fine sono due tipi di stress di cui si deve tener conto per mantenere lo stesso livello in ogni scena.

L’aver intrapreso a pieno una carriera come la tua ha determinato dei cambiamenti e delle direzioni ben precise anche alla tua vita privata oppure tieni le due cose ben distinte?
Naturalmente la mia vita privata rimane ben distante dalla mia vita lavorativa. A volte, purtroppo, non ho molto tempo da dedicare totalmente alla mia vita privata, essendo molto spesso in scena. All’inizio era molto più semplice, avevo meno scene e non ero molto conosciuta se non come modella di SuicideGirls. Adesso sono anche nelle scene delle altre attrici come Fister e Squirter, ciò implica più lavoro e naturalmente meno vita privata.

Il tipo di sessualità che esprimi sul set consiste in un insieme di pratiche comunemente ritenute ‘estreme’ o comunque attinenti a sfere fetish ben precise. Ti chiedo: quante di queste cose sono frutto del lavoro ‘di scena’ e quante fanno parte del tuo background, a prescindere dal porno?
Non mi sono mai ritenuta (nella vita privata) una partner estrema, ho sempre fatto BDSM o Bondage ma nulla di più. Dopo che la mia carriera é iniziata sono sempre più contenta di non aver mai provato cose estreme nella mia sfera sessuale privata in quanto alcune possono essere pericolose specialmente se fatte da partner che si credono autodidatti.

Hai incontrato dei malintesi riguardanti la tua professione presso ‘osservatori esterni’ come fan e giornalisti? Quali sono i luoghi comuni errati o comunque fastidiosi?
Ovvio…specialmente ci sono due “malintesi” che odio più di qualsiasi altra cosa…il primo è che ogni porno attrice per forza di cose è considerata una prostituta…Bhe non è proprio così, sono due professioni completamente diverse, nessuna esclude l’altra ma non facciamo di tutta l’erba un fascio. Il secondo è che se una ragazza é porno attrice o ha intrapreso questa carriera lo fa solo esclusivamente per soldi. Anche questa é una cosa che non vale per tutte, io sono la prima che non lo fa per il denaro: ho studiato, ho diversi diplomi, potevo guadagnare anche con una professione normalissima. Ho semplicemente seguito una carriera che mi piace e che mi fa star bene con me stessa.

La domanda precedente ci porta a parlare di social e Internet. Come vivi il mondo digitale? Sei assidua frequentatrice, lo consideri un veicolo principalmente promozionale o altro?
All’inizio ero molto presente sui social, rispondendo ad ogni singolo messaggio…Ora, il tipo di fan e follower che mi segue pretende contenuti gratis e/o esclusività e questa non é una cosa che adoro anche perché la maggior parte non hanno rispetto per me né per il tipo di lavoro che faccio. Da qualche mese a questa parte, ho preferito rispondere solo sul mio OF (non tutti i giorni) e sul mio profilo PH.

Moltissime sono le visualizzazioni e le attenzioni ai tuoi video. Quale ritieni essere la tua più grande dote sul set, quella che vuoi esprimere in ogni tua scena e che ritieni possa piacere di più a chi ti guarda?
Sinceramente non saprei, diciamo che la mia “popolarità” viene dal fatto che molte delle mie scene sono condivise con altre attrici perché riesco a coinvolgerle, e naturalmente tutte le scene dove fIsto e squirto.

Due parole sul tuo carattere, sul tuo modo di essere. Pregi e difetti: come ti definiresti nella vita di tutti i giorni?
Sono una stacanovista, e questo può essere sia un pregio che un difetto. Come anche il fatto che sono molto precisa e pignola specialmente durante le mie scene, ci tengo particolarmente che escano fuori perfette.

Per finire, uscendo dal mondo del lavoro, quali passioni o hobby coltivi nel tuo tempo libero?
Come ho già detto non ho molto tempo libero, quando ne ho preferisco passarlo alla SPA, o a leggere un buon libro.

Giada su Twitter https://twitter.com/giadasuicide
Giada su Pornhub https://it.pornhub.com/pornstar/giada-suicide

All pics are taken from https://forum.pornbox.com/

Taggato con: